Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La scomparsa di mia madre (a Heidelberg)

Data:

23/10/2020


La scomparsa di mia madre (a Heidelberg)

Film di Beniamino Barrese (2019).

Modella e icona degli anni ’60, Benedetta Barzini è stata la musa di Andy Warhol e Salvador Dalì e di fotografi come Irving Penn e Richard Avedon. Negli anni ‘70 abbraccia la causa femminista, diventando scrittrice e docente universitaria, in lotta con una società e un sistema della moda che per Benedetta Barzini significa sfruttamento del femminile. A 75 anni, stanca dei ruoli e degli stereotipi in cui la vita ha cercato di costringerla, desidera lasciare tutto, per scomparire. Turbato, suo figlio Beniamino Barrese comincia a filmarla, per conservarne la memoria. Il film si trasforma in una battaglia per il controllo della sua immagine, uno scontro tra opposte concezioni della vita e della rappresentazione di sé, ma anche un dialogo intimo, struggente, in cui madre e figlio si preparano insieme ad una separazione, difficile da accettare e forse impossibile da filmare.

Da quando avevo sette anni e mio padre mi ha regalato una telecamera, filmare è diventata una strategia per trattenere esperienze e persone amate, salvandole dal tempo. Ho sempre cercato di fare lo stesso con mia madre – ma metterla di fronte ad un obiettivo non è mai stato facile. Provavo una sorta di riverenza nei suoi confronti. Mi sembrava impossibile contenerla in un’immagine. Era troppo di tutto: troppo bella, troppo intelligente, troppo carismatica, troppo aggressiva, troppo forte, troppo profonda, troppo speciale. Nonostante fossimo da sempre molto legati, è sempre stata un mistero per me. Che fare quando tua madre ti dice di volersene andare per sempre? Decidere di fare questo film è stato il mio tentativo di trovare una risposta. Ora, alla fine di questo film, so di non essere riuscito, ancora una volta, a racchiudere mia madre in un’immagine capace di raccontarne l’autenticità. Al contrario, ho capito finalmente che mia madre aveva ragione. Come lei spesso ripete, “ciò che veramente conta, è sempre invisibile”.
Beniamino Barrese

A "XXIII Cinema! Italia! (a Heidelberg)": >>>

Informazioni

Data: Ven 23 Ott 2020

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : Kairos Filmverleih Göttingen, Made in Italy Rom

In collaborazione con : Italienisches Kulturinstitut Stuttgart, Karlstorkino Heidelberg

Ingresso : A pagamento


Luogo:

Karlstorkino, Am Karlstor 1, Heidelberg

10038